Dialoghi Italo-Francesi per l'Europa 2021

L’educazione e la ricerca per una società più inclusiva
Secondo Webinar Live
Lunedì 7 luglio 2021, ore 17.00 (CEST)


Alla luce dei lavori durante la Riunione Ministeriale dei Ministri dell’Istruzione del G20 del 22 giugno scorso in Sicilia, è opportuno proseguire la riflessione sul ruolo trainante dell’educazione e della ricerca per la ripresa economica. Quali lezioni trarre dalle misure prese durante la pandemia da Covid-19 per garantire un’istruzione di qualità e accessibile a tutti? Quali strategie promuovere per favorire una crescita sostenibile ed inclusiva?


Visita il sito dell'evento

Nel 2018, le Università LUISS di Roma e Sciences Po di Parigi, in collaborazione con The European House - Ambrosetti, hanno lanciato i “Dialoghi Italo-Francesi per l’Europa”. L’obiettivo è di riunire regolarmente leader francesi e italiani per discutere, in modo confidenziale e aperto, sulle questioni prioritarie per il business e per l’economia, e più in generale per il futuro dell’Europa e delle giovani generazioni, delineando strategie e proposte per rafforzare ulteriormente le relazioni tra i due paesi.

L’iniziativa ha il patrocinio dell’Ambasciata italiana presso la Repubblica francese e dell’Ambasciata francese presso la Repubblica italiana.


L’Italia e la Francia sono l’una per l’altra il secondo partner economico e commerciale.


Membri fondatori della CECA e firmatari dei Trattati di Roma nel 1957, i due Paesi sono il perno attorno al quale l’Unione Europea è diventata realtà: il loro contributo per un’Europa solidale, competitiva e unita rimane fondamentale per il futuro del continente in un contesto geopolitico, commerciale e migratorio in continuo cambiamento.

I Dialoghi, punto di riferimento per la leadership istituzionale e imprenditoriale dei due Paesi, coinvolgono testimoni del business, della politica, delle istituzioni, nonché autorevoli economisti e rappresentanti della cultura e dei media. Nel contesto dell’iniziativa sono organizzati momenti di relazione e networking tra le business community dei due Paesi e vengono presentati position paper e altre analisi.


Il progetto prevede:

  • Un Evento esclusivo una volta all’anno;
  • Incontri di lavoro e di scambio di opinioni a porte chiuse durante l’anno;
  • Eventi digitali e/o phygital su temi di interesse volti a migliorare le relazioni bilaterali;
  • Un Advisory Board composto da ricercatori, business leader e advisor dei due Paesi. Ha il compito di identificare temi rilevanti e innovativi da trattare, con l’obiettivo di rafforzare i legami politici, economici, strategici e di ricerca tra Italia e Francia;
  • Un Comitato Scientifico composto da un numero paritetico di personalità italiane e francesi del mondo istituzionale, accademico, imprenditoriale e professionale. Ha il compito di elaborare le linee di contenuto dei Dialoghi italo-francesi;
  • Un programma di borse di studio e di ricerca e la creazione di una cattedra italo-francese con sede alternata nelle due Università con l’obiettivo di sviluppare la ricerca sui temi dei Dialoghi.



Sono stati discussi i seguenti temi:

  • Italia, Francia e Unione Europea ai tempi del coronavirus: scelte politiche e ruolo dell’Europa
  • L'Europa alla prova del Covid-19: le sue risposte sono adeguate alle situazioni specifiche dei paesi membri?
  • Ripresa dell’economia e sostenibilità: il punto di vista dell’Italia e della Francia nell’ambito delle prospettive europee
  • Alimentazione e sostenibilità dopo la crisi sanitaria globale
  • I giovani e il loro futuro nel contesto del Covid-19, un’inchiesta realizzata in Italia e in Francia
  • Formare i giovani al lavoro del futuro
  • Next Generation EU e Green Deal: il punto di vista delle imprese
  • Strumenti per rilanciare le economie italiana e francese nel contesto del Covid-19


Hanno partecipato:

Luigi Abete (Presidente Luiss Business School), Rosario Ambrosino (CEO Elior Italia), Vincenzo Amendola (Ministro Affari Europei, Repubblica italiana), Franco Bassanini (Presidente Astrid), Domitilla Benigni (COO Elettronica), Vincenzo Boccia (Presidente Luiss Guido Carli), Carlo Bonomi (Presidente Confindustria), Teresa Castaldo (Ambasciatrice d’Italia in Francia), Viviane Chaine-Ribeiro (Presidente Commissione Europa e Internazionale Medef), Fabio Corsico (Direttore Corso in Family Business Management Luiss Business School), Michele Crisostomo (Presidente Enel), Amélie de Montchalin (Segretario di Stato presso il Ministro per l’Europa e gli Affari Esteri con delega agli Affari europei, Repubblica francese), Valerio De Molli (Managing Partner & CEO The European House – Ambrosetti), Veronica De Romanis (Professore European Economics, Stanford University di Firenze e Luiss Guido Carli), Luigi de Vecchi (Chairman EMEA Banking, Capital Markets & Advisory Citi), Sergio Fabbrini (Intesa Sanpaolo Chair on European Governance, Luiss Department Political Science), Paolo Gentiloni (Commissario UE), Sylvie Goulard (Vice Governatore Banca di Francia), Roberto Gualtieri (Ministro Economia e Finanze, Repubblica Italiana), Luigi Gubitosi (CEO e DG Telecom Italia), Félicité Herzog (Direttrice Strategia e innovazione Vivendi), Maria Latella (Giornalista SKY & Radio24; Editorialista, Il Messaggero), Marc Lazar (Professore Sciences Po e Luiss), Jean-Yves Le Gall (Presidente CNES), Bruno Le Maire (Ministro Economia, Finanze e Rilancio, Repubblica Francese), Enrico Letta (Dean PSIA Sciences Po), Christian Masset (Ambasciatore di Francia in Italia), Frédéric Mion (Direttore Sciences Po), Nicola Monti (CEO Edison), Letizia Moratti (Co-fondatrice Fondazione San Patrignano e Presidente Fondazione E4Impact), Andrea Munari (CEO BNL Gruppo BNP-Paribas), Nando Pagnoncelli (Country Chairman Ipsos Italia), Andrea Prencipe (Rettore Luiss Guido Carli), Salvatore Rossi (Presidente TIM, già Direttore Generale Banca d’Italia), Paola Severino (Vice Presidente Luiss Guido Carli), Francesco Starace (CEO Enel).

Segreteria Organizzativa
02-46753.606