Firma anche tu il Manifesto per promuovere l’empowerment femminile

Per la prima volta nella storia, durante l’anno della sua Presidenza italiana, il G20 ha organizzato una Conferenza interamente dedicata al tema dell’empowerment femminile. La Conferenza G20 sull’Empowerment Femminile del 26 agosto 2021 ha offerto alla comunità internazionale e alla società civile una preziosa piattaforma di dibattito e confronto sull’implementazione di politiche volte ad accentuare il talento e la leadership femminili e a salvaguardare i diritti delle donne, specialmente per ciò che concerne la violenza di genere.


A questo scopo, Ambrosetti Club ha lanciato e coordinato un Business Advisory Board finalizzato a formulare analisi, proposte chiave e raccomandazioni di policy provenienti dalla business community, a supporto della Presidenza italiana e dell’Agenda G20 per il 2021.


Le attività dell’Advisory Board sono state accompagnate dalla Ministra italiana per le Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti, e il position paper strategico che ne è emerso è stato consegnato ai lavori della Conferenza G20 del 26 agosto.

Gli obiettivi del Business Advisory Board

  • analizzare lo stato dell’arte della partecipazione femminile all’economia e gli ostacoli culturali e sociali che penalizzano l’empowerment femminile nei Paesi G20, anche identificando le principali best-practice di Paesi e aziende
  • elaborare scenari e quantificazioni economiche relative ad un’equa partecipazione delle donne all’economia nei Paesi G20
  • elaborare direttive guida e raccomandazioni finali per indirizzare la traiettoria futura dei Paesi G20 così da raggiungere la parità di genere nella società e nell’economia



Il percorso verso la parità di genere


L’empowerment femminile è un fenomeno socioeconomico complesso che costituisce un prerequisito essenziale nel percorso verso la piena parità di genere. È ormai chiaro che raggiungere l’empowerment femminile nell’economia e nelle società richiede un approccio trasversale in grado di confrontarsi con la miriade di inter-correlazioni che presenta e che concorrono alla sua configurazione. In questo scenario, gli aspetti culturali, tradizionalmente i più ardui da gestire, sono una dimensione chiave per assicurare il successo di iniziative di breve, medio e lungo periodo.


Ma l’empowerment femminile non può essere ridotto a una questione di diritti. Al contrario, deve essere riconosciuto anche come un’enorme opportunità economica per tutti i paesi, come la crisi socioeconomica scaturita dalla pandemia di Covid-19 ha ulteriormente evidenziato. Per garantire una ripartenza post-pandemia su larga scala, tutti i paesi sono chiamati a sfruttare a pieno il potenziale femminile in vista di uno sviluppo sostenibile, inclusivo e competitivo.

Firma anche tu il Manifesto:

Video Summary G20 Italy